Mi dispiace ma non è possibile fare click con il tasto destro...

Michelangelo Buonarroti a Bologna

Michelangelo Buonarroti a Bologna

Quando penso a Michelangelo Buonarroti (Caprese Michelangelo, 6 marzo 1475 – Roma, 18 febbraio 1564), di solito la mente corre a Firenze e Roma, e non a Bologna, città che lo ha ospitato ed in cui ha lavorato per due volte. In questi scatti ripercorro le tracce della sua presenza in questa città, a 450 anni dalla sua scomparsa. Inizio da Palazzo D’Accursio, accanto al Nettuno del Giambologna, per osservare l’aquila di sinistra attribuita a Michelangelo. Poco distante e ben visibili perché di recente restauro, le sculture ed i bassorilievi di Jacopo della Quercia sulla facciata della Basilica di San Petronio (le statue di Sant’Ambrogio, Madonna con Bambino, San Petronio e le stupende formelle di contorno), opere che in qualche modo hanno influenzato la tecnica ancora in formazione del Buonarroti.

Proseguendo poi in Piazza Galvani, dietro la Basilica, mi soffermo davanti allo stabile, alle spalle della statua di Galvani, che ospitò (come recita la lapide) la fucina dove Michelangelo nel 1506 fuse la statua in bronzo di Giulio II, in occasione del suo secondo soggiorno bolognese. Infine, con gli occhi alzati ad osservare gli splendidi portici di via Garibaldi, raggiungo la meta finale: l’Arca di San Domenico nella Basilica dedicata al Santo, dove Michelangelo ci ha lasciato tre statue scolpite in occasione del suo primo soggiorno nel 1494.

Il primo viaggio a Bologna (1494-1495) coincide per Michelangelo con un passaggio cruciale della sua vita. In seguito anche alla morte di Lorenzo de’ Medici (1492), suo mecenate, il Buonarroti lascia Firenze, città nella quale egli si stava formando artisticamente. Di ritorno da Venezia, dove non aveva trovato committenze, passa per Bologna, città che ha appena introdotto un balzello per accedervi, 50 bolognini. Egli non è in grado di pagare ed in suo soccorso viene Giovan Francesco Aldrovandi, che lo assume come lettore prima, come scultore poi -in seguito alla scomparsa di Niccolò dell’Arca- per completare la duecentesca Arca che diede il soprannome a Niccolò e nella quale si conservavano le spoglie di San Domenco nell’omonima Chiesa. Così sono attribuite a Michelangelo ed ancora presenti in San Domenico tre statue: San Petronio, l’Angelo portacero e San Procolo. In tutte queste sculture si possono osservare in embrione i tratti che poi avrebbero caratterizzato le successive grandi opere del Buonarroti, e non è estranea l’influenza che ebbero su di lui le sculture di Jacopo della Quercia (1374-1438), ad iniziare dalle statue poste sulla porta principale della Basilica di San Petronio con le formelle poste sotto di esse. Dodici anni dopo la sua prima venuta, Michelangelo torna a Bologna, di malavoglia, per realizzare una statua in bronzo di Papa Giulio II della Rovere, che, nel frattempo, aveva organizzato la cacciata dei Bentivoglio dalla città. Non si hanno notizie precise di questa unica opera bronzea, ma solo che fu forgiata in una bottega allora presente in Piazza Galvani e collocata in San Petronio, subito sopra le tre statue di Jacopo della Quercia. Posta nel 1508 e prontamente abbattuta e distrutta al rientro di Annibale Bentivoglio a Bologna nel 1511, con i resti della statua si costruì la più grande colubrina del tempo, la “Giulia”, probabilmente usata dai Lanzichenecchi nell’assedio di Roma. Dopo questa esperienza, Michelangelo se ne andò da Bologna e non vi mise più piede né realizzò mai più un’altra statua in bronzo.

Le fotografie

0
Palazzo D'Accursio su Piazza Re Enzo
0
Palazzo D'Accursio, l'aquila a sinistra attibuita a Michelangelo
0
Basilica di San Petronio
0
Iacopo della Quercia, Porta magna Basilica di San Petronio
0
Iacopo della Quercia, Sant’Ambrogio, Madonna con Bambino, San Petronio, Basilica San petronio
0
Jacopo della Quercia, Creazione di Adamo, Creazione di Eva, Peccato originale, Porta Magna San Petronio
0
Jacopo della Quercia, Porta magna Basilica di San Petronio
0
Bologna, Piazza Galvani
0
Fabbriceria di San Petronio
0
Portico di via Garibaldi
0
Basilica di San Domenico
0
Arca di San Domenico
0
Michelangelo, Angelo porta cero, Arca di San Domencio
0
Michelangelo, Angelo porta cero, Arca di San Domenco-2
0
Michelangelo, San Procolo, Arca di San Domenico
0
Michelangelo, San Petronio, Arca di San Domenico

4 thoughts on Michelangelo Buonarroti a Bologna

  1. Complimenti per le foto, sempre spettacolari. Chiaro ed esaustivo anche il contenuto. Fa piacere vedere tanta armonia specie se riflettiamo sulla disarmonia e l’arroganza del mondo attuale.
    Maria Cristina

    • Maria Cristina condivido in pieno le tue considerazioni e questo blog è anche uno strumento per condividere sensazioni comuni, fotografiche, ma non solo. Guido

  2. Ringrazio sempre delle bellissime foto che fanno piacere e in questo modo apriamo gli occhi sull’immensa italianità dell’arte. Franca Tassoli

lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.