Mi dispiace ma non è possibile fare click con il tasto destro...

Le Cripte di Bologna testimoniano le origini della comunità cristiana cittadina

Tra storia e leggenda, si perdono, e quasi si confondono, le tracce delle origini della comunità cristiana bolognese. Anche se non abbiamo testimonianze dirette, i protomartiri Vitale e Agricola sono considerati, dal culto a loro dedicato, i primi cristiani bolognesi uccisi per la loro fede. Il martirio dello schiavo Vitale e del suo patrizio cristiano Agricola sarebbe avvenuto nell’anno 304, a seguito delle persecuzioni di Diocleziano, nell’Arena romana di Bononia, che probabilmente sorgeva dove ora si trova la Cripta (documentata nel secolo XI, ma forse risalente al secolo IV) sottostante la Chiesa dedicata ai Santi Vitale e Agricola, in Via San Vitale 50, già via Salaria. I corpi dei due protomartiri, riconosciuti nel 392 nel cimitero giudaico bolognese dal vescovo di Bologna Eustasio e dal vescovo di Milano Ambrogio, vengono traslati da Bologna a Milano e successivamente, dopo il 400, a Ravenna, contribuendo ad accrescere il loro culto, che mantiene comunque il suo epicentro a Bologna. Specialmente dopo il 1019, quando alcune reliquie vengono portate nella Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, poi dedicata ai Santi Vitale e Agricola, nel Complesso di Santo Stefano, ed in seguito ricollocate nell’ex Chiesa de’ Confessi, attualmente Cripta della Chiesa del Crocifisso, sempre nel Complesso di Santo Stefano. Dal 1060 una parte delle reliquie viene trasferita nella Cripta della Cattedrale di San Pietro e, in epoca successiva, una parte di esse viene conservata nella Cripta della Chiesa di Via San Vitale.

0
Cripta della Chiesa dei Santi Vitale e Agricola in Arena in Via San Vitale 50 a Bologna
0
Cripta della Chiesa dei Santi Vitale e Agricola in Arena in Via San Vitale a Bologna
0
Reliquie nella Cripta della Chiesa dei Santi Vitale e Agricola in Arena in Via San Vitale a Bologna
0
Francesco Pelosio, Polittico (1476), Pinacoteca di Bologna, già in Monastero Santi Vitale e Agricola
0
Nella Cripta della Chiesa dei Santi Vitale e Agricola in Arena in Via San Vitale a Bologna-2
0
Nella Cripta della Chiesa dei Santi Vitale e Agricola in Arena in Via San Vitale a Bologna
0
Luigi Busi, Martirio dei Santi Vitale e Agricola (1873), Chiesa dei Santi Vitale e Agricola in Arena
0
Esterno della Chiesa dei Santi Vitale e Agricola nel Complesso di Santo Stefano a Boogna
0
Vitale e Agricola ai lati di Cristo raffigurati sulla faccciara della Chiesa a loro dedicata nel Complesso di Santo Stefano
0
Sarcofago di Agricola nella Chiesa dei Santi Vitale e Agricola, Complesso di Santo Stefano a Bologna
0
Sarcofago di Vitale, Chiesa dei Santi Vitale e Agricola nel Complesso di Santo Stefano a Bologna
0
Cripta dell'Abate Martino(1019), Chiesa del Crocifisso, Complesso di Santo Stefano a Bologna
0
Urna con reliquie protomartiri Vitale e Agricola, Cripta del 1019, Chiesa del Crocifisso, Complesso di Santo Stefano a Bologna
0
La Cripta della Cattedrale di San Pietro conserva (a destra) reliquie dei protomartiri Vitale e Agricola
0
La Cripta della Cattedrale di San Pietro a Bologna conserva alcune reliquie dei protomartiri Vitale e Agricola
0
La Cripta della Cattedrale di San Pietro a Bologna conserva alcune reliquie dei protomartiri Vitale e Agricola-2
0
Frammenti di stipite di portale in pietra d'Istria (II metà XII sec), nella Cripta della Cattedrale di San Pietro a Bologna
0
Cervo che bruca, selenite (inizio secolo XII), in Cripta Cattedrale di San Pietro a Bologna
0
La Cripta di San Zama a Bologna-2
0
La Cripta di San Zama a Bologna-3
0
La Cripta di San Zama a Bologna
0
Nella Cripta di San Zama a Bologna
0
Capitelli nella Cripta di San Zama a Bologna
0
Affresco dell'Arcangelo Raffaele nella Cripta di San Zama a Bologna
0
Maestro dei Polittici di Bologna (Pseudo Jacopino), Polittico (1340), Pinacoteca di Bologna, già in Monastero Santi Naborre e Felice

La Cripta di San Zama si trova all'interno dell’ex complesso religioso dell’Abbadia, che comprendeva la Chiesa dei Santi Naborre e Felice, martiri della Chiesa milanese, da cui Bologna dipendeva. Secondo il culto, la Cripta sarebbe testimone del sorgere della prima comunità cristiana bolognese, quando, attorno all’anno 270, Zama, il primo vescovo di Bologna, avrebbe riedificato una preesistente Chiesa dedicandola a San Pietro. Si è a lungo creduto che San Zama fosse la prima Cattedrale, perché proprio in questo luogo sacro venivano sepolti i resti dei primi vescovi bolognesi, a partire dallo stesso Zama. Più verosimilmente, in quest’area sorgeva uno dei primi cimiteri cristiani, dove venivano inumati anche i vescovi bolognesi, a causa del divieto (in essere fino al V secolo) di seppellire i morti entro le mura della città. Faustiniano, vescovo successore di Zama, contribuisce ad aumentare la fama del santuario, costruendo una Basilica più ampia, cambiando l’intitolazione della Chiesa ai Santi Naborre e Felice. Le notizie documentate di una presenza religiosa risalgono a dopo l’anno Mille, quando la Cripta sembra sia stata costruita verso il 1100 dai monaci Camaldolesi, utilizzando materiali provenienti da edifici più antichi, come colonne e capitelli di epoca romana e bizantina.

3 thoughts on Le Cripte di Bologna testimoniano le origini della comunità cristiana cittadina

lascia un commento

Accetto la Privacy Policy

Questa sezione del sito è bloccata perchè non hai ancora accettato la cookie policy.