Mi dispiace ma non è possibile fare click con il tasto destro...

Lippo di Dalmasio degli Scannabecchi, il “Madonnaro” bolognese, tra Trecento e Quattrocento

Lippo di Dalmasio degli Scannabecchi nasce a Bologna dopo il 1350 e a Bologna muore nel 1410. Appartiene alla prestigiosa famiglia pittorica degli Scannabecchi: è figlio di Dalmasio e nipote di Simone di Filippo Benvenuti, detto Simone “dei Crocifissi”. La sua attività iniziale come pittore è documentata in Toscana e a Pistoia in particolare, tra il 1380 ed il 1387, anno in cui Lippo rientra a Bologna. Qui trova una città profondamente cambiata: dopo le turbolenze di decenni di lotte tra fazioni guelfe e ghibelline, la rivolta popolare contro la Chiesa nel 1376 ha ripristinato al potere il Governo del popolo e le strutture comunali, riabilitando anche la famiglia ghibellina degli Scannabecchi, in precedenza messa al bando. Così Lippo può ricevere importanti commissioni, inserirsi in un periodo di grande effervescenza artistica per la città di Bologna, pur distinguendosi dai pittori tardogotici locali per i contatti che ha avuto con la cultura pittorica toscana.

I due principali artisti nella Bologna di fine Trecento sono Simone “dei Crocifissi”, allievo di Vitale degli Equi, ed il più giovane Jacopo di Paolo, formatosi con Jacopo Avanzi, che lo stimola alla riscoperta dell’arte di Giotto, verso uno stile in seguito definito neogiottismo. Nel 1390 si apre il monumentale cantiere di San Petronio, che accoglie nuove maestranze, anche internazionali. In questi anni l’astro nascente di Pietro di Giovanni Lianori, ma soprattutto l’arrivo di Giovanni da Modena, alterano gli equilibri artistici cittadini e favoriscono l’affermazione di un gusto gotico e internazionale raffinato. Rilevante anche la presenza di alcuni scultori come Alberto da Campione (autore dei finestroni laterali di San Petronio) e Jacopo della Quercia, presente in città sin dal primo decennio del ‘400.

Le opere di Lippo, spesso immagini devozionali dipinte sugli esterni degli edifici, rappresentano di frequente la Madonna con Bambino. Alla fine del Cinquecento, in piena Controriforma, Lippo è il più celebrato tra i pittori bolognesi del Trecento, e Carlo Cesare Malvasia (1678) ne riporta l’apprezzamento da parte di Guido Reni.

Lippo di Dalmasio (una delle rare opere firmate), Trittico, Madonna col Bambino in trono e Santi Giovanni Battista e Agostino (?), Pietro e Paolo e in alto Petronio benedicente, Bologna, Pinacoteca Nazionale.
0
1395/1400, Lippo di Dalmasio, Trittico della Vergine col Bambino in trono e Santi, Bologna, Pinacoteca Nazionale
1
1395/1400, Lippo di Dalmasio, Trittico della Vergine col Bambino in trono e Santi -particolare, Bologna, Pinacoteca Nazionale
0
1395/1400, Lippo di Dalmasio, Trittico della Vergine col Bambino in trono e Santi -particolare Santi Giovanni Battista e Agostino (?), Bologna, Pinacoteca Nazionale
0
1395/1400, Lippo di Dalmasio, Trittico della Vergine col Bambino in trono e Santi -particolare Sant'Agostino (?), Bologna, Pinacoteca Nazionale
0
1395/1400, Lippo di Dalmasio, Trittico della Vergine col Bambino in trono e Santi -particolare San Petronio, Bologna, Pinacoteca Nazionale
Opere di Lippo di Dalmasio degli Scannabecchi, alcune esposte al Museo Civico Medioevale di Bologna.
0
1380-1390 Lippo di Dalmasio, Orazione nell'orto; Santi Ambrogio e Petronio, Bologna, Pinacoteca Nazionale
2
1395-1400, Lippo di Dalmasio, Croce dipinta, Bologna, Bologna, Bologna, Collezioni Comunali d'Arte, già in Chiesa San Girolamo della Certosa di Bologna
0
1395, Lippo di Dalmasio, Croce dipinta, Firenze, Casa Rodolfo Siviero-1
0
1395, Lippo di Dalmasio, Croce dipinta -particolare, Firenze, Casa Rodolfo Siviero
0
1335-1340, Dalmasio (padre di Lippo), Crocifissione, Bologna, Pinacoteca Nazionale, già in Convento di San Martino Maggiore a Bologna
0
1397, Lippo di Dalmasio, Madonna allattante dell'Umiltà -particolare, Bologna, Chiesa di Santa Maria della Misericordia
0
1399, Lippo di Dalmasio, Cappella della Madonna dell'Orazione, Complesso di San Colombano a Bologna
0
1400-1405, Lippo di Dalmasio, Madonna col Bambino e Angeli, Minerbio, Collezione Michelangelo Poletti
0
1400-1405, Lippo di Dalmasio, Madonna dell'Umiltà e Angeli, Modena, La Galleria di BPER Banca
1
1400-1408, Lippo di Dalmasio, Madonna del Velluto, Bologna, Museo della Basilica di San Domenico-1
0
1400, Lippo di Dalmasio, Ultima cena e Cristo in pietà, Collezione privata
0
1400ca, Lippo di Dalmasio, Pentecoste, Bologna, Mamiano di Traversetolo (PR), Fondazione Magnani-Rocca
0
1405-1410, Lippo di Dalmasio, Adorazione dei Magi, Bologna, Pinacoteca Nazionale
0
1405-1410, Lippo di Dalmasio, Sant'Andrea, San Giovanni Battista, San Pietro, Bologna, Collezione privata Savelli
0
Madonna della Vita, attribuita a Simone dei Crocifissi o al nipote, Lippo di Dalmasio, Bologna Santuario di Santa Maria della Vita
0
Lippo di Dalmaso, Madonna col Bambino (sec. XIV), Bologna, Sacrestia della Chiesa di Sant'Isaia
0
Lippo di Dalmasio (attr), Polittico, Basilica di Santa Maria dei Servi a Bologna
0
Lippo di Dalmasio, Madonna delle Grazie, Battistero della Chiesa dei Santi Bartolomeo e Gaetano a Bologna
0
Lippo di Dalmasio (Bologna 1355-1410), Madonna col Bambino, Basilica di San Martino Maggiore a Bologna
0
Lippo di Dalmasio, Madonna della neve, Bologna, Cripta della Chiesa del Crocifisso, Complesso di Santo Stefano
0
1408, Lippo di Dalmasio, Madonna col Bambino, detta del velluto, Bologna, Monastero di San Domenico
0
Francesco del Cossa su Lippo di Dalmasio, Chiesa di Santa Maria della Pace del Baraccano a Bologna, già sulla Terza Cerchia muraria di Bologna
0
1400-1409, Lippo di Dalmasio, Madonna col Bambino e i Santi Cosma e Damiano, Bologna, Basilica di Santa Maria dei Servi
Anconetta Lambertini firmata e datata 1394 (Bologna, Pinacoteca Nazionale) esposta per la prima volta a fianco delle ante laterali, oggi conservate al Museo Stibbert di Firenze
0
1394, Lippo di Dalmasio, Incoronazione della Vergine, Bologna, Pinacoteca Nazionale
0
1394 Lippo di Dalmasio, Incoronazione della Vergine (trittico Rodolfo Lambertini) -particolare, Bologna, Pinacoteca Nazionale
0
1394, Lippo di Dalmasio, Annunciazione, San Girolamo e San Giovanni Battista, Firenze, Museo Stibbert

Ti è piaciuto questo contenuto? Resta aggiornato sulle novità ed iscriviti alla mia newsletter! CLICCA QUI

4 thoughts on Lippo di Dalmasio degli Scannabecchi, il “Madonnaro” bolognese, tra Trecento e Quattrocento

  1. Grazie Guido, ho avuto solo in questi giorni il permesso di ricominciare a camminare , motivo per cui non avevamo potuto candidarci per la trasferta ad Arezzo e Anghiari. Voi ci siete stati?
    Grazie per questo ( come sempre) splendido report fotografico. Un caro saluto Lilia

    • Ciao Lilia, noi siamo andati ad Arezzo, ma certo gita stancante, anche se Arezzo e La Madonna del Parto di Piero della Francesca a Monterchi sono stati spunti interessanti. Alla prossima occasione (Marocco?) e un caro saluto anche da parte mia.

  2. Io mi riprendo da una brutta influenza e andrò sicuramente a vedere la mostra. Grazie delle bellissime immagini

lascia un commento

Accetto la Privacy Policy