Mi dispiace ma non è possibile fare click con il tasto destro...

Categoria: Il Cinquecento bolognese

La Biblioteca Zambeccari, il Barocco nel Borgo dei Gesuiti a Bologna

I Gesuiti, i Padri della Compagnia di Gesù fondata nel1534 da Ignazio di Loyola, acquisiscono grande fama come teologi ed educatori dei giovani, espandendosi in tutto il mondo. Arrivano a Bologna a metà del Cinquecento e si insediano in un isolato compreso tra Via Castiglione, Via Cartoleria e Via De’ Chiari, rimodellando l’area del Borghetto di Santa Lucia per le loro funzioni spirituali educative. Così nel tempo sorgono la Chiesa di Santa Lucia (dove sorgeva una più antica Chiesa fondata […]

Gli affreschi di Palazzo Poggi e la Torre della Specola

Palazzo Poggi, situato a Bologna in via Zamboni (Strà San Donato fino al 1867), ha per così dire due vocazioni. La prima, quella privata, inizia con la sua costruzione voluta nel 1549 da Alessandro Poggi, forse su progetto di Pellegrino Tibaldi (*), e completata, alla morte di Alessandro, dal fratello, Giovanni Poggi, tesoriere pontificio e nunzio apostolico presso l’Imperatore Carlo V. Giovanni ha notevole peso nelle vicende del tempo, rivestendo un ruolo da protagonista delle trattative tra Carlo V e Papa […]

Una domenica in Pinacoteca a Bologna e i pittori del Rinascimento bolognese

Come si legge nel sito web, la Pinacoteca Nazionale di Bologna, assieme all’Accademia di Belle Arti, è ospitata negli spazi dell’ex noviziato gesuitico e Chiesa di Sant’Ignazio, costruiti tra il 1728 e il 1735 su progetto dell’architetto bolognese Alfonso Torreggiani. Dopo l’ingresso delle truppe napoleoniche a Bologna, nel 1796, e la soppressione degli ordini religiosi, l’Accademia Clementina, con il nuovo nome di Accademia di Belle Arti, iniziò a raccogliere numerosi beni provenienti dagli enti soppressi; la necessità di spazi più […]

Il Palazzo dell’Archiginnasio, l’antica sede dell’Università a Bologna

Il Palazzo dell’Archiginnasio viene eretto a Bologna fra il 1562 ed il 1563, per volere del Legato pontificio in città, il cardinale Carlo Borromeo, su progetto dell’architetto bolognese Antonio Morandi detto Terribilia, con lo scopo, nel clima culturale del Concilio di Trento, di dare una sede unitaria all’insegnamento universitario, fino ad allora disperso in vari edifici. Il Palazzo presenta all’esterno un lungo portico di 30 arcate e si articola in due piani intorno ad un cortile centrale a doppio ordine di […]

Le Collezioni Comunali d’Arte di Bologna sono ospitate a Palazzo d’Accursio

Palazzo d’Accursio è la sede del governo della città di Bologna, da quando, nel 1336, diventa residenza degli Anziani, cioè del Senato, la massima magistratura cittadina, che si radunava al primo piano nell’attuale Sala d’Ercole. Nel giugno del 1512 la cacciata definitiva dei Bentivoglio da Bologna, consegna la città nelle mani del Papa. Si costituisce una sorta di governo misto, retto da un lato dal Senato, formato dalla nobiltà bolognese, dall’altro dal Cardinal Legato. Figura quest’ultima molto importante, eletta dal […]